Genetica e disfunzioni del pavimento pelvico: una nuova ricerca indaga sulle possibili correlazioni

E’ in corso la ricerca denominata “Progetto pilota di correlazione tra efficacia chirurgica e profilo genetico delle pazienti sottoposte a chirurgia ricostruttiva dei supporti pelvici nel trattamento del prolasso di vescica isolato (cistocele) o associato al prolasso di utero (isterocele)”.

La ricerca, sponsorizzata da “Andrea Grimaldi Medical Care” mira a stabilire se vi sia correlazione fra alcuni geni (COL A1, COL A3 e VDR) attualmente correlati alla rigenerazione del collagene e le disfunzioni del pavimento pelvico andando ad estrarre, con un semplice tampone buccale, il DNA delle donne operate con diagnosi di incontinenza urinaria, prolasso della vescica e/o dell’utero .

“I benefici attesi per la comunità possono essere l’identificazione precoce di pazienti a rischio di sviluppare le disfunzioni del pavimento , al fine di attivare delle procedure di riabilitazione preventiva e/o di delle procedure chirurgiche che possono avere particolare attenzione nel rinforzo fasciale e di tutte quelle strutture che mostrano un deficit di collagene. Inoltre la supplementazione con vitamina D e dispositivi medici a base di collagene ed acido ialuronico sono molto utili in questa tipologia di pazienti che mostrano alterazioni genetiche per un deficit di collagene– spiega il Dott. Carlo Rappa, Uroginecologo coordinatore della ricerca – Pertanto in questo modo tutte le pazienti che hanno familiarità per queste patologie possono indagare il loro status genetico per vedere se è presente una reale predisposizione.

Lo studio di ricerca retrospettivo, che precede uno studio multicentrico randomizzato,  si svolge principalmente presso la Casa di Cura Andrea Grimaldi grazie alla sponsorizzazione della Consulting & Service spa, la società di gestione delle strutture afferenti al gruppo Andrea Grimaldi Medical Care.