Termoablazione transperineale: avanguardia firmata Andrea Grimaldi

La termoablazione transperineale mediante luce laser è una procedura interventistica il cui scopo è risolvere l’ostacolo determinato dalla distrofia della ghiandola prostatica allo svuotamento della vescica.

 

La Casa di Cura Andrea Grimaldi è uno dei pochi centri in Italia in cui viene effettuata questa tecnica, confermandosi tra le strutture più all’avanguardia per le procedure chirurgiche mininvasive.

La termoablazione transperineale, mediante luce laser della prostata (TPLA), consiste nella distruzione di tessuto prostatico con necrosi coagulativa indotta dall’illuminazione con emissione a luce laser.

 

La procedura prevede una sedazione cosciente del paziente ed anestesia loco-regionale oppure anestesia periferica spinale. Sotto guida ecografica, con sonda ecografica transrettale biplanare, si procede all’infissione di aghi sottili (21 G) per via transperineale. La necrosi tissutale si ottiene, pertanto, mediante l’emissione di luce laser trasmessa mediante sottili fibre ottiche collocate in situ.

 

Si tratta di un intervento sicuro e veloce, che presenta rischi di complicanze molto più bassi e assenza di perdite ematiche, a differenza della chirurgia tradizionale come la resezione della prostata e dell’accesso transuretrale (TULIP).